Pubblicato il 20 October 2021

CERTING certificherà le competenze dei medici veterinari italiani

firma CERTING FNOVI.jpeg

L’agenzia Certing e la Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani (FNOVI) hanno firmato oggi un importante accordo quadro per la certificazione delle competenze dei medici veterinari italiani. La collaborazione tra i due enti è finalizzata all’attivazione di specifici percorsi di certificazione dedicati agli iscritti all’Albo. In particolare, ricerca, progettazione, costruzione, attuazione e revisione di processi condivisi di certificazione che rispondano all’evoluzione della professione medico veterinaria a livello nazionale e internazionale.

In concreto Certing - organismo accreditato da Accredia e costituito all’interno della Fondazione CNI - e FNOVI lavoreranno alla redazione degli schemi di certificazione proprietari di “Medico Veterinario Esperto in diversi settori dell’attività professionale”. Lo schema sarà di tipo “aperto” in analogia a quello già accreditato per altre professioni intellettuali regolamentate.

“La firma di questo accordo – ha commentato Armando Zambrano, Presidente CNI – arriva a conclusione di un lungo percorso che ha avuto per noi diversi importanti momenti intermedi, come ad esempio l’ingresso in Accredia. Oggi l’Ordine degli ingegneri può vantare, attraverso Certing, la propria agenzia di certificazione al servizio degli ingegneri e a tutte le altre professioni”.

“Questa nostra iniziativa – spiega Gaetano Penocchio, Presidente di FNOVI - è finalizzata a valorizzare il patrimonio di conoscenze ed esperienze professionali dei medici veterinari. La professione è enormemente cresciuta e altrettanto lo sono le aspettative dei proprietari di animali. La certificazione è una grande, innovativa e attualissima possibilità di far riconoscere le risorse e gli obiettivi raggiunti dai professionisti. Un mezzo per rispondere ad un bisogno, ovvero mettere in relazione domanda e offerta di prestazioni professionali.

“L’accordo che abbiamo siglato oggi – dichiara Gaetano Nastasi, Presidente di Certing – rappresenta un traguardo e al tempo stesso una nuova partenza. Sin dall’inizio del proprio mandato il CNI si è posto come obiettivo la costituzione di Certing con l’obiettivo di certificare le competenze non solo degli ingegneri ma di tutti i professionisti. Con la firma di oggi parte la sfida”.

L’accordo firmato oggi sarà valido fino al 31 dicembre 2026.